Torna il concorso cinematografico dedicato al femminile. È disponibile il nuovo bando per le sceneggiatrici (già Premio Ilaria Branca di Romanico). Novità anche per il miglior film europeo (precedentemente Premio Società Umanitaria). A marzo un nuovo bando per la miglior regia femminile nell’industria pubblicitaria, ADV e formati digitali.

01

ALF, PENSARE AL FEMMINILE

Il cinema ci riguarda eccome.

Solo un terzo delle registe/sceneggiatrici italiane firma i prodotti del mercato; è quanto emerge dall’Annual Seminar on Gender Equality & Inclusivity in the Film Industry  2023, promosso da La Biennale di Venezia, Eurimages-Consiglio d’Europa e Women in Film, Television & Media Italia. Il gruppo ALF si impegna per la parità di genere attraverso l’istituzione di riconoscimenti dedicati alle professioniste del cinema e dell’audiovisivo. Uno spazio di confronto su identità e rappresentatività a cadenza biennale.

La storia delle donne nel cinema è un percorso di emancipazione parallelo a quello, tutt’altro che concluso, delle donne nella società.

I premi sono patrocinati dalla Fondazione Cineteca Italiana, dalla Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, dall’Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo (U.N.I.T.A), da EWA (European Women’s Audiovisual Network), da Valore D (Associazione di imprese che promuove la parità di genere e una cultura inclusiva) e da Women in Film, Television & Media Italia.

02

IL COMITATO ORGANIZZATORE

Il gruppo organizzatore “al femminile” (ALF) è composto da: Ilaria Branca di Romanico, Luisa Comencini, Silvia De Laude, Aimara Garlaschelli, Gaia Guarducci e Irene Magrelli.

03

NEWSLETTER

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su attività e iniziative di ALF.